Senza categoria

Perché acquistare un amplificatore e come scegliere il più adatto

L’amplificatore è ancora uno degli strumenti audio più utilizzati ai giorni nostri. Nonostante la concorrenza dei formati audio compressi, se siamo alla ricerca di un suono potente, regolabile e compatto, non possiamo fare a meno di comprarne uno. Da chi lo fa per lavoro come musicista o fonico, a chi è semplicemente un amante della musica e si vuole godere a pieno le sue vibrazioni. Il ruolo dell’amplificatore in un impianto è molto importante. Consiste nel dirigere e regolare tutti i segnali che ne passano attraverso per poi trasmetterli al diffusore – apparecchio che ritroviamo nelle casse o nelle cuffie- da dove poi uscirà il suono vero e proprio della sorgente. Potremo vedere l’amplificatore come se fosse un vero e proprio direttore d’orchestra, che stabilisce come il suono va trasmesso al diffusore. Tutte le parti devono combaciare per quanto riguardano le frequenze e le impedenze, dovremo controllare di preciso gli OHM del nostro diffusore, quindi quest’ultimo ha abbastanza resistenze al segnale elettrico dell’amplificatore.

Esistono 3 tipologie di amplificatori: Preamplificatori, amplificatore finale  e l’amplificatore integrato. Questi tre modelli possono essere a loro volta di due tipi: amplificatori valvolari (a tubi) o amplificatori transistor(stato solido). L’amplificatore valvolare consiste in un sistema meno recente rispetto al transistor, nonostante quest’aspetto le valvole sono ancora adesso il sistema più amato dai musicisti e dagli audiofili, tale scelta è data dalla qualità, potenza, fedeltà e dal tipo di suono che le valvole termoioniche permettono. Tuttavia è un sistema più oneroso, data la manutenzione e l’attenzione che va concesso vecchio questi apparecchi ed è consigliato per chi lavora con la musica. Il Sistema a stato solido sfrutta la tecnologia transistor, un impianto più recente e più adatto verso sistemi che lavorano su canali multipli, come troviamo ad esempio negli impianti audio dei dolby surround di casa, che oltre ad essere più economico ci risparmia il dovere di controllarlo spesso ed è soprattutto più efficiente.

La fascia di prezzo di un amplificatore che si rispetti è alta naturalmente, ma ci sono prezzi in generale che partono da quella bassa a quella alta, adatti per gli usi e le tasche di tutti.